Sciamano

Il Tamburo dello Sciamano

Sciamano

Sciamanismo e Guarigione (segue): intrusioni

Malattie e disturbi provocati da intrusioni

Sono di solito provocate da intrusioni le infiammazioni e le febbri, le malattie della pelle, le affezioni virali e batteriche, dolori reumatici, emicrania e cefalee, verruche, fibromi, cisti, linfomi e altri tumori.
Come ho già detto anche la sfortuna è spesso causata da intrusione o da perdita d'anima.

Le intrusioni, specie nel petto o nella testa, possono causare anche disturbi emotivi. Intrusioni nella testa causano tensione mentale, mal di testa, visione negativa delle cose, fissazioni. In molti casi però si tratta di entità più complesse delle intrusioni. La malattia specifica causata da un'intrusione dipende in parte dal potere dell'oggetto estraneo, ma anche dalla persona colpita. Così si sviluppa il male nella zona più vulnerabile, dove un indebolimento dell'anima (perdita di un frammento d'anima) ha lasciato un vuoto.

Shaman blowing a dart
Uno sciamano indio (Amazzonia) lancia un dardo con una cerbottana. La vittima dovrà ricorrere a un altro sciamano esperto per tentare di estrarre il proiettile magico.

Perciò, a un livello più profondo, la malattia ci è amica, perché denuncia una mancanza di equilibrio di cui siamo incoscienti e ci permette di porvi rimedio.
Ad esempio, un trauma di abbandono da parte di uno dei genitori può causare una perdita d'anima che indebolisce i polmoni e/o la pelle. Così successive intrusioni potranno causare malattie polmonari e affezioni della pelle.
L'estrazione curerà la malattia, ma la persona tenderà ad ammalarsi di nuovo (spesso, curata ai polmoni, si ammalerà di una dermatite) finché non si interviene a ripristinare l'equilibrio del suo essere con un ricupero d'anima.

La rimozione delle intrusioni

Lo sciamano può rimuovere le energie estranee o attirandole fuori dal corpo dentro una trappola, come si fa con le mosche e il miele (vedi la Cattura delle Intrusioni) oppure estraendole direttamente. Descrivo queste procedure tra le tecniche di guarigione.

Legame tra il malato e la sua intrusione

Ciò che rende spesso difficile rimuovere un'intrusione è il legame emotivo inconsapevole tra il malato e la sua malattia. Lui o lei la trattiene e non vuole lasciarla andare.
Gli sciamani fanno esperienza di intrusioni estratte una volta che dopo qualche tempo ricompaiono uguali nel corpo del paziente. Come se si rigenerassero spontaneamente.
Ciò non è vero, come non vera era la germinazione spontanea in biologia. I posti sporchi non producono pulci, ma le pulci sono attratte dai luoghi sporchi.

L'intrusione spesso colma un vuoto interiore, un buco lasciato da una carenza come la perdita di un frammento d'anima.
Questo crea un legame tra l'intrusione e la persona, la quale ne sente la mancanza e l'attira nuovamente dentro di sé.

Le intrusioni

In alcuni casi il ripresentarsi dell'intrusione sembra inevitabile: ho curato una persona con una lesione permanente alla caviglia (due pezzi d'osso le erano stati asportati), che causava infiammazione e dolori. L'estrazione ha alleviato il problema per qualche tempo, ma poi l'infiammazione e le intrusioni sono ricomparse.
In realtà anche qui si tratta di un attaccamennto del paziente alla sua malattia: egli è abituato a un'immagine di sé secondo cui la sua caviglia è menomata e questo riattira le intrusioni all'interno.
Il recupero dell'anima della caviglia (ossia della sua essenza vitale che ne contiene la funzionalità) può aiutare, ma bisogna che il paziente non faccia resistenza ad integrarla in sé, abbandonando l'attaccamento ai suoi modelli mentali.
Questi modelli rigidi non hanno giustificazione reale: gli animali selvatici sanno vivere bene anche con gravi danni a una giuntura senza infiammazione né dolore! Per questo l'estrazione delle intrusioni è più rapida ed efficace su bambini e animali.

Intrusione di démoni

Alcune intrusioni, di natura più mentale, sono entità meno elementari che tendono a indurre nella vittima comportamenti coatti e la ripetizione di certi atteggiamenti (coazione a ripetere). Queste entità, che io chiamo démoni, influenzano la coscienza, sono quindi una via di mezzo tra le intrusioni e la possessioni e ne parlo tra queste ultime.